0871.332425 info@valemaviaggi.it

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Città*
* Continuare significa che accetti la nostra Condizioni Contrattuali e la nostra Privacy.

Sei già un membro?

Login
0871.332425 info@valemaviaggi.it

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Città*
* Continuare significa che accetti la nostra Condizioni Contrattuali e la nostra Privacy.

Sei già un membro?

Login

La Fortezza di Civitella del Tronto

Kiddo & la Fortezza di Civitella del Tronto

La Fortezza di Civitella del Tronto, situata a 600 m. s.l.m. in posizione strategica rispetto al vecchio confine settentrionale del Viceregno di Napoli con lo Stato Pontificio, è una delle più grandi e importanti opere di ingegneria militare d’Europa caratterizzata da una forma ellittica con un’estensione di 25.000 mq ed una lunghezza di oltre 500 metri. La rocca aragonese, sorta su una probabile preesistenza medievale, fu completamente trasformata a partire dal 1564 da Filippo II d’Asburgo – re di Spagna – che, a seguito di un’eroica resistenza dei civitellesi contro le truppe francesi guidate dal Duca di Guisa, ordinò la costruzione della Fortezza, una struttura più sicura così come la vediamo oggi.
Nel 1734, dalla dominazione degli Asburgo si passò a quella dei Borbone che operarono importanti modifiche alla struttura militare e si opposero valorosamente all’assedio dei francesi nel 1806 e a quello dei piemontesi del 1860/61. Dopo il 1861 la Fortezza venne lasciata in abbandono, depredata e demolita dagli stessi abitanti di Civitella del Tronto.


Oggi la sua struttura è completamente visitabile, grazie ad un importate intervento di restauro curato dalla Sovrintendenza di L’Aquila (1975/1985). La visita si sviluppa attraverso tre camminamenti coperti, le vaste piazze d’armi, le cisterne (una delle quali visitabile), i lunghi camminamenti di ronda, i resti del Palazzo del Governatore, la Chiesa di San Giacomo e le caserme dei soldati. 


Notevole e suggestivo è il panorama che si gode dalla Fortezza a partire dal vecchio incasato sottostante con le singolari case-forti (Civitella del Tronto aderisce al circuito “I Borghi più belli d’Italia”), per proseguire con i massicci del Gran Sasso, della Laga, della Maiella, dei Monti Gemelli fino al Mare Adriatico. 

Le attività Kiddo

  1. LA FORTEZZA E I NOSTRI AMICI ANIMALI (VISITA WILD):

Questa particolare e suggestiva visita guidata didattica vuole dare la possibilità ai bambini di conoscere direttamente varie specie di fauna selvatica locale. Si potranno visionare gli animali direttamente in fortezza e osservare i voli acrobatici dei falconi, il passo elegante del lupo, il volo silenzioso del gufo e quello elegante dell’aquila. Come si svolge la visita guidata: ingresso in fortezza con visita guidata seguiti da diversi animali tra cui ibridi di lupo, poiane di Harris e gufi. Si andranno a studiare insieme al falconiere Giovanni Granati le caratteristiche fisiche degli animali con possibilità di toccarli, si potranno fare domande specifiche sugli animali trattati e infine si potrà visitare il museo mostra sulle specie selvatiche all’interno della Fortezza.

2. LE GOLE DEL SALINELLO:

I ragazzi verranno accompagnati alla riserva naturale delle “Gole del Salinello” che rappresentano uno dei luoghi più spettacolari e selvaggi dell’intero territorio abruzzese. All’ingresso delle gole si trova la preistorica grotta dell’Eremo di Sant’Angelo, scavata dalle acque dal torrente Salinello. La sua pavimentazione stratificata ha permesso la restituzione di numerosi reperti di varia natura e di diverso periodo storico, a testimonianza che essa era già frequentata nel Paleolitico. All’interno si può trovare un altare in pietra risalente al 1236 e un altro più recente in gesso costruito dagli eremiti che si sono succeduti nel tempo.

3. UN TESORO DI FORTEZZA:

Durante la visita guidata i partecipanti, muniti di una piantina della fortezza, dovranno risolvere quiz, giochi ed enigmi e impegnarsi a superare prove ed ostacoli. Con l’aiuto dell’operatore scopriranno gli spazi della fortezza e le diverse destinazioni d’uso, che li porteranno a conoscere i segreti nascosti della struttura. L’avventuroso percorso sarà completato solo quando i partecipanti riusciranno ad arrivare nelle stanze del tesoro.

 4. LA GIORNATA DEL SOLDATO:

La visita guidata verrà incentrata sulla vita quotidiana, in tempo di pace, condotta da un soldato borbonico all’interno della fortezza. Durante il percorso, l’operatore aiuterà i ragazzi a rivivere la giornata tipo degli abitanti della struttura. Con una serie di schede e di immagini, si andrà alla ricerca delle testimonianze che attestano il perfetto funzionamento e l’organizzazione della vita di tutti e 500 i soldati.

5. GI-OCA LA FORTEZZA:

Durante la visita guidata, l’operatore presterà particolare attenzione a quegli aspetti storici, sociali e culturali riguardanti la fortezza. In seguito, in sede di laboratorio, quanto appreso durante il percorso verrà utilizzato per dare il via ad un simpatico e divertente gioco dell’oca, in cui, i partecipanti, divisi in squadre, si affronteranno nel rispondere ad alcune domande. Alla fine, ad ogni partecipante verrà consegnata una riproduzione dello schema del gioco da abbellire e colorare.

 6. ARMI DA SBALZO:

Nel corso della visita guidata, particolare attenzione verrà posta al museo delle armi e ai suoi preziosi cimeli. In seguito, in sede di laboratorio, ad ogni partecipante verrà consegnata una lastrina di rame sulla quale, con la tecnica dello sbalzo, verrà realizzata la riproduzione di una delle armi presenti in mostra. In alternativa il soggetto da sbalzare potrebbe essere una riproduzione della fortezza stessa.

 7. COSTRUISCI LA TUA FORTEZZA:

Ispirati dalla visita guidata, i partecipanti saranno coinvolti nella realizzazione di un modellino personalizzato della fortezza. Con l’aiuto di cartoncino, colla e colori a tempera, daranno forma alla loro fantasia!

 8. RACCONTAMI UNA STORIA:

Nel corso della visita guidata i partecipanti saranno chiamati ad elaborare una storia di fantasia ambientata all’interno della fortezza. In laboratorio, a gruppi, realizzeranno con la tecnica del collage le diverse pagine di cui si formerà il libro che porteranno a casa come ricordo.

 

Foto di Manuela Travaglini, Instagram 

error: Attenzione Contenuto Protetto !!